Home » Luoghi di lavoro » Il rischio chimico e la sicurezza sul lavoro per le imprese
Il rischio chimico e la sicurezza sul lavoro per le imprese

Allo scopo di proteggere i lavoratori e tutelare la sicurezza sul lavoro, è sicuramente indispensabile un’adeguata valutazione dei rischi legati ad operazioni di manipolazione o semplice utilizzo di sostanze pericolose. Il documento di valutazione rischio chimico in azienda, mira ad analizzare i punti critici di rischio e a proporre eventuali contromisure da adottare sia dai dipendenti che dalle figure di protezione e prevenzione come RLS ed RSPP (principali collaboratori dello sviluppo del DVR).

valutazione rischio chimico

In generale, il documento di valutazione rischio chimico, per qualsiasi azienda che nei cicli di produzione ha a che fare con sostanze chimiche e pericolose dovrà contenere al suo interno l’analisi dettagliata di tutto il processo produttivo. Durante la realizzazione di tale documento è quindi indispensabile confrontare le competenze delle figure volte alla sicurezza sul lavoro direttamente con i lavoratori.

Analisi dei rischi in azienda

Questo passaggio fondamentale, ad opera del Rappresentante dei lavoratori, RSPP, datore di lavoro e consulenti per la sicurezza attraverserà principalmente i punti quali:

  1. Caratteristiche, natura e pericolosità dell’agente chimico utilizzato
  2. Modalità di utilizzo e figure dedicate alla manipolazione
  3. Procedure e contromisure per controllare i rischi
  4. Valori limite di esposizione e valori biologici
  5. Effetti correlati all’esposizione
  6. Misure da mettere in atto per la prevenzione dal rischio

Questa scala di punti, aiuterà nel sistema di valutazione principalmente ad individuare quali sono i rischi nel processo produttivo in base a: ambiente, macchine utilizzate e sostanze. Una volta valutati questi punti si passerà all’analisi derivante dalla domanda: “Che possibilità c’è che il lavoratori entrino in diretto contatto con questo rischio?”.
La fase successiva è quella dell’analisi delle figure e del numero dei lavoratori direttamente esposti ai fattori indicati al fine di applicare strategie mirate di protezione, vigilanza e sorveglianza sanitaria individuale.