Home » Luoghi di lavoro » I pericoli in falegnameria e la valutazione dei rischi sul lavoro
I pericoli in falegnameria e la valutazione dei rischi sul lavoro

Tale valutazione si riferisce in sostanza ai rischi classificati come agenti chimici che possono comportare il rischio per la sicurezza e la salute dei lavoratori all’interno della falegnameria.
Come conferma anche il Titolo VII del DLgs 626/94 al controllo delle problematiche relative le lavorazioni che espongonoi lavoratori a polveri di legno duro, il datore di lavoro “ha l’obbligo di aggiornare periodicamente la valutazione rischio chimico in falegnameria” in occasione di notevoli mutamenti che potrebbero rendere la valutazione precedente superata.

valutazione rischio chimico

Lo scopo del servizio di prevenzione e protezionenella valutazione dei rischi è quello di promuovere strategie volte al controllo degli infortuni e delle malattie professionali più comuni come:

  • Patologie a carico dell’apparato respiratorio
  • Ipoacusia da rumore
  • Malattie da strumenti vibranti
  • Patologia di movimentazione manuale dei carichi
  • Dermatiti

È fatto quindi obbligo dall’attuale normativa l’analisi di tali rischi e le fasi produttive in cui gli infortuni potrebbero essere maggiori allo scopo di attivare tutte le azioni di sorveglianza ed assistenza; oltretutto è estremamente importante sul piano della prevenzione controllare i soggetti più a rischio. Il monitoraggio biologico infatti, nel documento valutazione rischi nelle falegnamerie è obbligatorio per i lavoratori esposti agli agenti per i quali è stato fissato un valore limite e, all’interno del Documento di valutazione rischi è il datore di lavoro della falegnameria che, in collaborazione con l’RLS e l’RSPP nei casi stabiliti dalla legge, inserirà i nominativi dei lavoratori.

Allo stesso modo dovranno essere individuati i settori  di lavorazione ma soprattutto, verranno indicati gli aspetti prevenzionali di carattere sanitario a cui l’organo di vigilanza farà riferimento nei casi in cui richieda la disposizione di tali documenti.

Pericoli del lavoro in falegnameria

  • Polvere di legno
    Può causare patologie a carico dell’apparato respiratorio anche gravi nei casi in cui il legno sia verniciato
  • Rumore
    I macchinari potrebbero causare danni all’apparato auditivo con il manifestarsi di ipoacusia, danni all’apparato extrauditivo e alterazione dei valori cardiaci e dei riglessi.
  • Contaminati vegetali
    Comportano in soggetti predisposti, stati infiammatori gravi a carico delle vie respiratorie.

Queste ed altre valutazioni compresa la compilazione dell’elenco dei legni utilizzati rappresentano la base per procedere con un’attività “a norma” verso il controllo e la tutela in una falegnameria sia artigiana sia professionale.